VOCI DAI FONDI presentazione di un archivio

24 Settembre 2020

Sabato 3 ottobre (Museo della Città, Sala del Giudizio, ore 16.30), sarà presentato il ricco archivio di Gianni Quondamatteo (Rimini, 19 marzo 1910-19 gennaio 1992), donato dalla famiglia alla Biblioteca Gambalunga,  oggi quasi interamente consultabile sul catalogo on-line  della Biblioteca (Archivio Gianni Quondamatteo).

Saluti
Giampiero Piscaglia, Assessore alla Cultura
Micaela Quondamatteo, Simona Talenti

Relazioni
Giuseppe Bellosi, Gianni Quondamatteo, studioso della Romagna popolare e dialettale
Piero Meldini, I mangiari di Romagna
Mara Sorrentino, L’Archivio di Gianni Quondamatteo

Comunicazioni
Miro Gori, Più che un vocabolario: il Dizionario romagnolo di Quondamatteo
Paolo Zaghini, Il politico
Fabio Bruschi, Il sindaco che fondò il Premio Riccione

Coordina Oriana Maroni

 

L’archivio raccoglie la vastissima documentazione prodotta nella sua cinquantennale attività politica e culturale. Antifascista e partigiano, Quondamatteo militò nel partito comunista (sino all’espulsione nel 1968), ricoprì la carica di primo Sindaco di Riccione dopo la Liberazione (1944-1949), e nel 1947 fondò insieme al pittore e scenografo Paolo Bignami il Premio Riccione per il Teatro, per premiare la scrittura teatrale italiana contemporanea. I suoi ideali politici si tradussero in amore e passione per la cultura e il “parlare popolare” della Romagna, inteso, scrisse il grande linguista Tullio De Mauro, come uno  strumento di “militanza democratica e intelligente e appassionata”. La sua fu un’attività di ricerca “corale”, fondata su testimonianze di ‘colti’ e ‘incolti’, di  specialisti quali Friedrich Schürr e Tullio De Mauro, da cui nacquero numerose pubblicazioni, fino a quello che può essere considerata la summa del suo lavoro di ricerca, il Dizionario romagnolo (ragionato) (1982-83). 

 

La partecipazione è libera, con prenotazione obbligatoria (massimo 2 posti).
In caso di rinuncia, obbligo di annullamento prenotazione entro le ore 10 del giorno stesso, inviando una mail a: archivio.fotografico@comune.rimini.it
I posti sono limitati e l’accesso è regolamentato nel rispetto delle norme anti COVID-19
Info e prenotazioni dal 21 settembre: tel. 0541.704477/704486 dalle 9 alle 13; mail: archivio.fotografico@comune.rimini.it

 

 

Share button