I libri di Alessandro Gambalunga

8 Febbraio 2020

MARIO BENTIVEGNI, Inventarium Bibliotecae, Rimini, 17 novembre 1620, manoscritto cartaceo. BGR, SC-IC 5

Il notaio riminese Mario Bentivegni il 17 novembre del 1620 autentica l’inventario dei libri donati per testamento all’uso pubblico da Alessandro Gambalunga, affidandoli a Michele Moretti, amico e primo bibliotecario per volontà dello stesso testatore. I libri sono elencati sommariamente con autore e titolo e con la segnatura AP affiancata da un numero fino al 936, poi altri senza segnatura fino al 1439. Corrispondono, essendo parecchie opere legate in volumi miscellanei, a circa 2000 unità bibliografiche. Il testamento assegnava trecento scudi annui per ampliare il patrimonio come testimoniano gli inventari redatti successivamente al momento del passaggio di consegne ad un nuovo bibliotecario.

 

 

Share button